Menu
Login
  • Cuocereilmondo

CUOCERE IL MONDO

2017-10-12

Un personaggio misterioso bussa alla porta di una classe di una scuola media inferiore e interrompe la lezione. Porta una valigia ed alcuni strani strumenti: una sorta di laboratorio viaggiante, una cucina forse o magari una bancarella ambulante. I suoi modi non sono pedagogici né da commerciante, ma piuttosto da scienziato, cuoco, antropologo o forse addirittura pittore, e perché no?, da illusionista… E proprio da illusionista sembra essere il tavolino tondo e di metallo che si porta dietro. E’ invece una piastra riscaldata che il personaggio usa per cuocere le sostanze fondamentali per l’alimentazione umana e per la vita in genere: zuccheri, amidi, grassi, proteine, fibre vegetali. La signora Terra, infatti, gira nelle classi, e talvolta anche negli ordini e nelle famiglie, per dare consigli su come ci si deve comportare a tavola. Ma non è una lezione su forchette e tovaglioli. Le buone maniere che il personaggio vuole diffondere riguardano l’uso della materia che milioni di anni fa diede origine alla vita e che ancora oggi circola in ogni essere vivente del pianeta. La stessa materia di cui gli alunni si nutrono tutti i giorni e che li fa entrare nella complessa fisiologia della biosfera, nella sua storia, nel suo futuro. Con la sua arte e con l'ausilio delle sue apparecchiature mobili introdurrà i giovani spettatori-assistenti allo stupore della trasformazione alchemica degli alimenti. 

L'intrusione nello scorrere consueto della lezione innesca un meccanismo di straniamento nei giovani astanti, che apre un nuovo spazio di attenzione e riflessione sulle strane modalità di manipolazione e degustazione degli alimenti più consueti.

 

L'evento è stato progettato pensando ad un pubblico della scuola media inferiore, ma può essere proposta anche ad un secondo ciclo elementare, in cui sia in corso un progetto di educazione alimentare a cura degli insegnanti. Lo spettacolo ha una durata di 40 minuti circa, coinvolge una classe alla volta ed ha una totale autonomia tecnica. L'attrezzatura necessaria viaggia assieme all'attore ed ha un ingombro minimo corrispondente allo spazio della cattedra. Non ha esigenze di luci ausiliarie, mentre per quanto riguarda la fornitura elettrica è sufficiente quella domestica normalmente in uso in ogni classe. L'attore procederà alla cottura di alcuni alimenti con l'ausilio di semplici attrezzature elettriche. Lo spettacolo può essere replicato fino a tre volte nell'arco della stessa mattinata. Essenziale è l'effetto sorpresa sugli studenti, che non dovranno essere al corrente di nulla né vedere lo strano personaggio tra una recita e l'altra. A tal fine è necessario uno spazio idoneo ad ospitare l'attore tra una recita e la successiva.
Lo spettacolo è prodotto dal Centro Divulgazione Agricola della Provincia di Bologna, per il progetto "Cattedre & Banchetti" nell'ambito del Programma Interregionale "Comunicazione ed Educazione Alimentare" con il finanziamento della Regione Emilia Romagna. 2002 


Regia e direzione artistica: Silvio Panini - Testi: Paolo Pagliani - Musiche e ambienti sonori: Tiziano Popoli - Costumi: Loredana Averci - Interprete: Loredana Averci